Decreto Sicurezza o Decreto Salvini

NOVITÀ INTRODOTTE DAL COSIDDETTO DECRETO SICUREZZA O DECRETO SALVINI – LA NOTIFICA PRELIMINARE AL PREFETTO  LIMITATA ALLE OPERE PUBBLICHE

La prima versione del Decreto Legge sulla Sicurezza, pubblicato il 4/10/2018 introduceva una modifica del D.Lgs. 81, prevedendo una notifica obbligatoria anche al Prefetto prima dell’inizio dei lavori per ogni cantiere.

Art. 26 del D. L. 04/10/2018 N° 113
Monitoraggio dei cantieri
1. All’articolo 99, comma 1, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, dopo le parole «provinciale del lavoro
» sono inserite le seguenti: «nonché al prefetto».

Art. 99.
(Notifica preliminare)
1. Il committente o il responsabile dei lavori, prima dell’inizio dei lavori, trasmette all’azienda unità sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro nonché al prefetto territorialmente competenti la notifica preliminare elaborata conformemente all’allegato XII, nonché gli eventuali aggiornamenti nei seguenti casi:
a) cantieri di cui all’articolo 90, comma 3;
b) cantieri che, inizialmente non soggetti all’obbligo di notifica, ricadono nelle categorie di cui alla lettera a) per effetto di varianti sopravvenute in corso d’opera;
c) cantieri in cui opera un’unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a duecento uomini-giorno.
2. Copia della notifica deve essere affissa in maniera visibile presso il cantiere e custodita a disposizione dell’organo di vigilanza territorialmente competente.
3. Gli organismi paritetici istituiti nel settore delle costruzioni in attuazione dell’articolo 51 possono chiedere copia dei dati relativi alle notifiche preliminari presso gli organi di vigilanza.

Prefettura di Roma – Uff. Territoriale del Governo
Via IV Novembre 119/A
00187 Roma (RM)
Tel 06 67291
protocollo.prefrm@pec.interno.it

Dopo le proteste delle Associazioni professionali e di settore, la conversione definitiva del Decreto Legge avvenuta con la Legge 1 dicembre 2018, n. 132 ha limitato la notifica preliminare solo ai cantieri relativi alle opere pubbliche.
La Legge n. 132 prevede infatti :

Art. 26
Monitoraggio dei cantieri
 All’articolo 99, comma 1, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, dopo le parole «provinciale del lavoro» sono inserite le seguenti: « nonché, limitatamente ai lavori pubblici, al prefetto ».

Art. 99 (Notifica preliminare). 
1. Il committente o il responsabile dei lavori, prima dell’inizio dei lavori, trasmette all’azienda unità sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro nonché, limitatamente ai lavori pubblici, al prefetto territorialmente competenti la notifica preliminare elaborata conformemente all’allegato XII, nonché gli eventuali aggiornamenti nei seguenti casi:
a) cantieri di cui all’art. 90, comma 3;
b) cantieri che, inizialmente non soggetti all’obbligo di notifica, ricadono nelle categorie di cui alla lettera a) per effetto di varianti sopravvenute in corso d’opera;
c) cantieri in cui opera un’unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a duecento uomini-giorno.

In sostanza rimangono inalterati quali destinatari le ASL UOS preSAL e l’Ispettorato Lavoro, competenti territorialmente, ciò per gli appalti di natura privata, mentre per quelli pubblici si aggiunge anche la Prefettura competente territorialmente.
Questo articolo di legge ridefinisce le procedure di inoltro della cosiddetta Notifica Preliminare per  l’apertura di cantieri edili temporanei mobili, fatto salvo l’obbligo di comunicazione agli  Enti Locali nel merito (urbanistico e strutturale) ed i cui modelli si possono scaricare via internet, tramite i siti ufficiali interessati.
Naturalmente la Legge addossa a tecnici abilitati e  in possesso di timbro professionale  la responsabilità di rispettare  le normative vigenti.

Geom. ERMINIO Pagliaro

Comments are closed.